Villa dei Quintili

Villa dei Quintili

La monumentale villa del suburbio romano, costruita dai fratelli Quintili nel II sec d.C. e poi espropriata da Commodo per motivi politici. I mosaici, le terme, il fasto di una residenza lussuosa, nel cuore della campagna romana.

Proprietà dello Stato solo dal 1986, la Villa dei Quintili era la più grande e fastosa residenza del suburbio romano.
Il nucleo originario apparteneva ai fratelli Quintili, consoli nel 151 d.C., ed è stato ampliato quando la villa è divenuta proprietà imperiale con l’imperatore Commodo.

La villa si estende tra l’Appia Antica e la via Appia Nuova, nell’’area leggendaria del combattimento tra gli Orazi e i Curiazi.
Nel lato verso l’Appia Antica sono visibili i resti di un ninfeo monumentale, trasformato in castello in epoca medievale. Attraverso un grande giardino-ippodromo si accede al settore residenziale, costituito da un vasto cortile rettangolare su cui affacciavano stanze per banchetti dotate di impianti di riscaldamento, decorate da marmi preziosi.
Gli ambienti privati della villa comprendevano le stanze da letto, criptoportici, ambienti di servizio e sale termali.
Nel settore verso la Via Appia Nuova si trovano le strutture più imponenti del complesso, rappresentate dagli impianti termali: il frigidario, costituito da una grande sala centrale con due vasche per l’acqua fredda ai lati e con il pavimento in marmi policromi, e il calidario (ambiente con acqua calda). Oltre a questi si trovano una serie di ambienti più piccoli con impianti di riscaldamento e vasche.

Guarda le foto della #villadeiquintili su Instagram:


Importante da sapere:

Tipologia tour: a piedi.
Durata: 2 ore.
Biglietto di ingresso ai monumenti: intero € 5.00 (il biglietto è valido anche per il Mausoleo di Cecilia Meterlla).
Difficoltà: semplice.